Abbiamo tutti sentito parlare di quanto sia sicuro il Giappone. Ma a meno che tu non viva qui, potresti non capire perché il Giappone sia considerato così sicuro. I non iniziati possono presumere che la sicurezza sia imposta attraverso una società rigida che non consente la libertà di espressione, che i giapponesi sono troppo preoccupati di perdere la faccia per commettere un crimine, o che il governo scende inutilmente con forza su gente che esce di linea . In realtà nessuno di questi aneddoti è vero. L’unica cosa che il Giappone fa meglio di chiunque altro è che pone una forte attenzione alla prevenzione della criminalità. Inoltre, la sicurezza dei suoi cittadini è fondamentale. Ecco un elenco di alcuni fattori che riteniamo aiutino il Giappone a non essere pericoloso.

 

1. bancomat

Gli sportelli automatici in Giappone si trovano all’interno di edifici o banche, che forniscono ambienti sicuri per prelevare contanti. Potrebbero essere leggermente meno convenienti degli sportelli bancomat “hole-in-the-wall” che troverete fuori dalle banche di altri paesi, ma i bancomat giapponesi sono molto più sicuri e offrono un maggiore grado di privacy.

2. Negozi di alimentari

In Giappone, non troverai mai una persona che lavora da sola in un minimarket, una stazione di benzina o in qualsiasi attività che possa essere facilmente derubata, anche se c’è una sola persona al banco, puoi verificare che sicuramente c’è un altro membro dello staff nel ufficio adiacente o da qualche parte nel negozio. Da una parte, costa di più assumere quella persona in più, ma dall’altra mette la sicurezza dei dipendenti al primo posto e rende il negozio più sicuro anche per i clienti.

3. Assistenti di parcheggio

Vedrai parcheggiatori in Giappone dove non ti aspetteresti, o soprattutto di averne bisogno. I piloti non danno loro molta importanza. Ma la sola presenza di un attendente scoraggia i criminali dallo sfondare in auto o dal rapinare persone nel parcheggio.

4. Guardie di sicurezza

Le banche impiegano persone part-time, spesso in pensione. Queste persone possono salutare i clienti e aiutare a controllare le loro esigenze non appena arrivano o possono anche dare una mano a utilizzare le innumerevoli funzioni degli sportelli automatici bancari. Sono anche attenti a potenziali attività sospette e forniscono un’ulteriore barriera alla scorta di denaro dietro la finestra dello sportello.

5. Le armi da fuoco non sono alla portati di tutti i cittadini

In Giappone, non pensano che sia un diritto individuale portare armi da fuoco, e tutti sono d’accordo.

6. Bassa tolleranza per le droghe

Paris Hilton, Rolling Stones e Paul McCartney sono stati tutti notoriamente bloccati al loro ingresso in Giappone a causa di precedenti con la droga. Gli intrattenitori giapponesi, che dovrebbero essere dei modelli, si scusano con i loro fan sulla televisione nazionale se vengono sorpresi a usare droghe. Queste ramificazioni rafforzano il fatto che, mentre le persone sono libere di fare le proprie scelte di vita, il paese non supporta i poveri processi decisionali e persino le droghe come la marijuana, ora depenalizzata in diversi paesi, sono ancora considerate tabù dalla maggior parte del Giappone.

7. Tolleranza zero per chi beve alcolici e guida

Tolleranza zero significa niente alcol durante la guida. Vuoi andare a bere qualcosa dopo il lavoro, ma sei da solo con la tua macchina? Nessun problema!! Puoi chiama un daikou, un servizio taxi specializzato che porta un autista extra a guidare la tua auto verso casa mentre sali sul loro taxi.

8. Koban

Piccole stazioni di polizia, spesso non sono che più di una singola stanza con una scrivania e un paio di sedie, chiamate koban, sono strategicamente posizionate in città e quartieri in modo da poter sempre trovare un rifugio sicuro, segnalare qualcosa di sospetto o semplicemente chiedere indicazioni se ti sei perso. La loro presenza onnipresente incoraggia anche le persone a consegnare oggetti smarriti, inclusi i contanti.

9. Le telecamere

Le telecamere in Giappone si trovano ovunque, non solo fuori dalle banche. Ma soprattutto sono tutte perfettamente funzionanti dato che qualsiasi cosa lì viene sottoposta a manutenzione maniacale.

Addirittura nei quartieri residenziali, dove la notte non c’è anima viva, in qualche palo della luce c’è pure un pulsante che aziona una telecamera che si collega direttamente alla centrale di polizia più vicina.

10. Politica di immigrazione limitata

Mentre possiamo criticare il Giappone per non essere più aperto all’immigrazione, non possiamo negare che si tratta di una misura utilizzata per garantire che il paese mantenga un sistema di credenze comune e un senso condiviso dei valori. Fondamentalmente, non essendo aperti ad altre culture e sistemi di valori, sono in grado di preservare il proprio.