Yamata no Orochi appare nei primi documenti giapponesi scritti, il Kojiki e il Nihongi. Senza dubbio, la leggenda risale a tempi molto più antichi.

LEGGENDA

In un tempo molto lontano, il dio della tempesta, Susanoo, fu cacciato dal cielo e scese in terra sul monte Torikama vicino al fiume Hi nella provincia di Izumo. Lì, si imbatté in una coppia di dèi anziani di nome Ashinazuchi e Tenazuchi, che stavano piangendo. Quando Susanoo chiese perché stavano piangendo, spiegarono che una volta avevano otto figlie, ma ogni anno il serpente a otto teste a otto code Yamata no Orochi ne richiedeva una come sacrificio. L’unica ormai sopravvissuta alla tragedia era la loro ottava e ultima figlia, Kushinada hime. Presto sarebbe giunto il momento per Yamata no Orochi di chiedere un sacrificio. Susanoo spiegò che era il fratello maggiore della dea del sole Amaterasu e si offrì di uccidere la bestia in cambio della mano di Kushinada in sposa. La coppia di anziani fu d’accordo e Susanoo mise in moto il suo piano per sconfiggere il serpente.

Susano dio della tempesta combatte il drago Yamata No Orochi

Innanzitutto, Susanoo trasformò Kushinada hime in un pettine, che mise tra i suoi capelli. Poi, fece costruire ad Ashinazuchi e Tenazuchi una grande recinzione con otto porte. Su ciascun cancello hanno alzato una piattaforma e su ogni piattaforma hanno posizionato una vasca. Versarono un sakè estremamente forte in ogni vasca. Quando i preparativi furono ultimati, tutti aspettarono che arrivasse il serpente.

Quando apparve Yamata no Orochi, il grande serpente scivolò nel recinto e notò il raffinato sakè. Immerse le sue otto teste nei tini e bevve l’alcol. Ben presto, il mostro cadde in un sonno profondo ubriaco. Susanoo ha sfruttato questa occasione per fare il suo attacco. Ha affettato l’enorme animale in piccoli pezzi con la sua spada. La carneficina fu così grande che le rive del fiume Hi si tinsero di scarlatto. Quando Susanoo cercò di tagliare la quarta coda, la sua spada andò in frantumi. Esaminando la parte della coda di Yamata no Orochi che spezzò la sua spada, Susanoo scoprì un’altra spada all’interno della carne della creatura: la leggendaria katana Kusanagi no Tsurugi.

 

Le tre insegne imperiali Giapponesi (immagine di riferimento) tra queste la spada kusanagi no tsurugi

Alla fine Susanoo offrì la spada Kusanagi in regalo a sua sorella, Amaterasu, e gli fu concesso di tornare in paradiso. La spada fu tramandata attraverso le generazioni nella linea imperiale del Giappone. È uno dei tre pezzi delle insegne imperiali, insieme allo specchio Yata no Kagami e al gioiello Yasakani no Magatama. Oggi si dice che la spada proveniente dalla coda di Yamata no Orochi sia custodita nel Santuario di Atsuta a Nagoya, lo specchio al tempio di Ise nella prefettura di Mie e la gemma al Palazzo imperiale di Tokyo. Dal 690 la presentazione di questi oggetti all’imperatore da parte dei sacerdoti del tempio è la parte centrale della cerimonia di insediamento sul trono imperiale. Questa cerimonia non è pubblica e gli oggetti, per tradizione, sono visti solo dall’imperatore e da determinati sacerdoti. Per questo non ne esistono fotografie o disegni conosciuti.