Il Tanuki rivaleggia con le Kitsune per lo Yokai animale più conosciuto. A volte chiamato cane procione in inglese, è un cane dell’Asia orientale che assomiglia a un tasso o un procione. Questi animali notturni timidi possono essere trovati su tutte le isole giapponesi e le statue di Tanuki sono decorazioni popolari nelle case e nei negozi. Sono amati non solo per la loro carineria, ma anche per i racconti di malizia e inganno associati a loro.

IL Tanuki possiede potenti abilità magiche. Sono simili alle Kitsune nella loro superba capacità di cambiare forma. Hanno una natura gioviale e si divertono a giocare brutti scherzi agli umani.

A parte la loro potente capacità di cambiare forma, forse l’attributo più famoso che i Tanuki possiedono sono i loro testicoli grandi e magici, che possono adattarsi a qualsiasi necessità. Sono usati come armi, tamburi, ventilatori per mantenere freschi e persino ombrelli. Spesso i Tanuki usano i propri testicoli nei loro travestimenti: il Tanuki diventa un negoziante ei suoi testicoli si trasformano nel negozio; o forse un palanchino completo di servi per caricare i Tanuki da un posto all’altro. Una famosa filastrocca sui testicoli di Tanuki molto conosciuta da tutti i bambini Giapponesi recita:

Tan Tan Tanuki no kintama wa / Kaze mo nai no ni / Bura bura bura “

Del Tan Tan Tanuki le palle stan / Seppure il vento soffiando non sta / Girando girando girando.”

Tanuki nel Film PomPoko – Studio Ghibli

Nelle antiche religioni delle isole giapponesi, i Tanuki erano considerati dei e sovrani su tutte le cose in natura. Con l’introduzione del buddismo, hanno gradualmente perso tale status; come altri animali magici, hanno assunto il ruolo di messaggeri degli dei e guardiani delle aree locali. Sebbene i Tanuki non siano generalmente temuti o considerati Yokai malvagi, non sono nemmeno del tutto innocui. Come gli umani, ognuno è un individuo unico, e mentre molti Tanuki sono giovanotti amanti del bene che amano la compagnia degli umani, alcuni abitanti del posto raccontano di orribili Tanuki che strappano gli umani per mangiarli o li allontanano per diventare servitori degli dei.

Durante le epoche Kamakura e Muromachi, alcune storie cominciarono a parlare di Tanuki più sinistri; la storia di Kachi-kachi Yama, compresa nell’Otogizōshi, parla di un Tanuki che picchia a morte una vecchia e la serve a tavola al marito inconsapevole come “zuppa di vecchia”. Altre storie parlano di Tanuki come indifesi e produttivi membri della società. Diversi templi hanno storie di sacerdoti che erano in realtà Tanuki travestiti. Secondo alcune tradizioni i Tanuki sono incarnazioni degli oggetti usati per più di cento anni.

Una popolare storia conosciuta come Bunbuku Chagama narra invece di un Tanuki che inganna un monaco trasformandosi in una teiera. Un’altra parla di un Tanuki che inganna un cacciatore camuffando le sue braccia come ramoscelli, finché non allarga entrambe le braccia insieme e cade dall’albero. Si dice che i Tanuki ingannino i mercanti con foglie camuffate da banconote. Alcune storie raccontano che le foglie facciano parte integrante del modo in cui il Tanuki cambia aspetto.

Tanuki a Shigaraki

I Tanuki più intelligenti e magicamente abili sono noti per adottare nomi e pratiche umane, come il gioco d’azzardo, il bere, persino l’amministrazione e le attività religiose. Molti attraversano le loro intere vite vivendo tra gli umani senza mai essere scoperti. In forma umana, i Tanuki hanno dimostrato di essere corruttibili come gli umani che emulano, e alcuni Tanuki hanno meritata reputazione come ladri, ubriaconi, bugiardi e imbroglioni. Inoltre, molti usano i loro poteri mutaformi per trasformarsi in pietre, alberi, statue e persino oggetti domestici ordinari per giocare brutti scherzi alle persone. Alcuni addirittura si trasformano in giganti e orribili mostri, o per terrorizzare gli umani per piacere, oppure per spaventarli e portarli lontani da luoghi in cui non dovrebbero essere.

I Tanuki del tempio Minoyama Daimyōjin