La villa imperiale Tamozawa (田 母 沢 御用 邸, Tamozawa Goyōtei) fonde l’architettura tradizionale Edo e il primo moderno Meiji in tutte le sue 106 camere. La villa fu costruita a Nikko nel 1899, utilizzando parti di una residenza che originariamente sorgeva a Tokyo.

Prima di essere trasferito a Nikko, l’edificio è stato inizialmente utilizzato come residenza di Tokyo di un ramo della famiglia Tokugawa e in seguito è stato temporaneamente utilizzato come palazzo imperiale. A Nikko, fu ingrandito in una residenza estiva e rifugio per la famiglia imperiale, ma fu abbandonata dopo la seconda guerra mondiale. Nel 2000, la villa è stata aperta al pubblico dopo ampi lavori di ristrutturazione.

La villa imperiale Tamozawa è uno dei più grandi edifici in legno rimasti in Giappone. L’interno della villa è un curioso mix di stili giapponesi e occidentali. Molti pavimenti sono tappezzati e lampadari elaborati appesi ai soffitti. Eppure gli elementi giapponesi della villa, come le porte scorrevoli di carta e i pavimenti in tatami, sono sono rimasti inalterati per mantenere lo stile tradizionale orientale. 

Sebbene sia ancora impressionante per dimensioni e grandezza, la villa imperiale Tamozawa occupa attualmente solo un terzo della sua area originale. Ora funziona come un museo e un parco commemorativo, ed è ben attrezzato con schermi multilingue per i visitatori. Il curatissimo giardino in stile giapponese, che circonda la villa, ha diversi alberi di acero che offrono lo splendore dei colori autunnali solitamente verso la fine di ottobre e all’inizio di novembre.

La villa imperiale Tamozawa può essere raggiunta in circa 20 minuti a piedi dal santuario di Toshogu. Dalla stazione JR o Tobu Nikko, prendi un autobus Tobu diretto a Chuzenjiko Onsen o Yumoto Onsen e scendi alla fermata dell’autobus Tamozawa. La corsa in autobus dura circa 10 minuti e costa 310 yen a tratta. 



Booking.com