I santuari shintoisti sono luoghi di culto e le dimore dei kami, gli “dei” shintoisti. Gli oggetti sacri di culto che rappresentano i kami sono conservati nella camera più interna del santuario, dove non possono essere visti da nessuno.

Le persone visitano i santuari per rispettare il kami o pregare per la fortuna. I santuari sono anche visitati durante eventi speciali come Capodanno, setsubun, shichigosan e altre feste. I bambini appena nati sono tradizionalmente portati in un santuario poche settimane dopo la nascita, e molte coppie tengono le loro cerimonie nuziali lì.

Le seguenti strutture e oggetti possono essere trovati tipicamente in un santuario:

Torii

Una o più porte torii segnano l’avvicinamento e l’ingresso in un santuario. Vengono in vari colori e sono fatti di vari materiali. La maggior parte dei torii, tuttavia, sono fatti di legno e molti sono dipinti di arancione e neri.

Komainu

Komainu sono una coppia di cani guardiani o leoni, spesso trovati su ciascun lato dell’entrata di un santuario. Nel caso dei santuari di Inari, sono volpi (vedi foto) piuttosto che cani.

Trogolo di purificazione

Trovato vicino all’ingresso, l’acqua di queste fontane viene utilizzata per la purificazione. Dovresti pulire le mani e la bocca prima di avvicinarti alla sala principale.

Sala principale e offerta

A seconda dello stile architettonico del santuario, la sala principale (honden) e la sala delle offerte (haiden) sono due edifici separati o combinati in un unico edificio. La camera più interna della sala principale contiene l’oggetto sacro del santuario, mentre i visitatori fanno le loro preghiere e offerte nella sala delle offerte.

Palcoscenico

Tappe per la danza del kagura o spettacoli teatrali noh possono essere trovati in alcuni santuari.

Ema

I visitatori del santuario scrivono i loro desideri su questi piatti di legno e poi li lasciano al santuario nella speranza che i loro desideri si avverino. La maggior parte delle persone desidera una buona salute, il successo negli affari, il superamento degli esami di ammissione, l’amore o la ricchezza.

Omikuji

Gli Omikuji sono cartoncini di cartomanzia rinvenuti in molti santuari e templi. Disegnati a caso, contengono previsioni che vanno da daikichi (“grande buona fortuna”) a daikyo (“grande sfortuna”). Legando il pezzo di carta attorno al ramo di un albero, la vera fortuna si avvererà o la sfortuna potrà essere evitata.

Shimenawa

Uno shimenawa è una corda di paglia con strisce di carta a zigzag bianche (shide). Segna il confine con qualcosa di sacro e può essere trovato su porte torii, attorno ad alberi sacri e pietre, ecc. Una corda simile allo shimenawa è anche indossata dagli yokozuna, i lottatori di sumo più alti, durante le cerimonie rituali.

Ci possono essere una varietà di edifici aggiuntivi come la casa del prete e l’ufficio, un magazzino per mikoshi e altri edifici ausiliari. I cimiteri, d’altra parte, non si trovano quasi mai nei santuari, perché la morte è considerata una causa di impurità nello shintoismo, e in Giappone è affrontata principalmente dal buddismo.

L’architettura e le caratteristiche dei santuari shintoisti e dei templi buddisti si sono fuse insieme nel corso dei secoli. Ci sono diversi stili di costruzione, la maggior parte dei quali mostrano influenze (buddiste) dalla terraferma asiatica. Solo alcuni dei santuari di oggi sono considerati costruiti in uno stile puramente giapponese. Tra questi ci sono i più importanti santuari shintoisti, i Santuari di Ise.

Ci sono decine di migliaia di santuari in tutto il Giappone, alcuni dei quali possono essere classificati in alcuni grandi gruppi di santuari. Alcuni di questi gruppi sono:

  • Santuari imperiali

Santuario imperiale di Ise

Questi sono i santuari che sono stati direttamente finanziati e amministrati dal governo durante l’era dello Shintoismo di Stato. Comprendono molti dei santuari più importanti dello Shinto, come i Santuari di Ise, il Santuario di Izumo e il Santuario di Atsuta, e una serie di santuari recentemente costruiti durante il periodo Meiji, come il Santuario Meiji di Tokyo e il Santuario Heian di Kyoto. I santuari imperiali possono essere riconosciuti dalla cresta del crisantemo della famiglia imperiale e dal fatto che sono spesso chiamati “jingu” piuttosto che “jinja”.

  • Santuari Inari

Fushimi Inari – Kyoto

I santuari di Inari sono dedicati a Inari, il kami di riso. Possono essere riconosciuti dalle statue della volpe, dato che la volpe è considerata il messaggero di Inari. Ci sono migliaia di templi Inari in tutto il Giappone, tra cui il Santuario di Fushimi Inari di Kyoto è più famoso.

  • Santuari di Hachiman

Tempio Haciman – Tomioka

I santuari Hachiman sono dedicati a Hachiman, il kami della guerra, che era particolarmente popolare tra i principali clan militari del passato. Delle migliaia di santuari di Hachiman in Giappone, il più famoso è probabilmente Tsurugaoka Hachimangu di Kamakura.

  • Santuari di Tenjin

Tempio Tenjin – Fukuoka

I santuari di Tenjin sono dedicati ai kami di Sugawara Michizane, un erudito e politico del periodo Heian. Sono particolarmente popolari tra gli studenti che si preparano per gli esami di ammissione. I santuari di Tenjin possono essere riconosciuti dalle statue di bue e dai susini, gli alberi preferiti di Michizane. Il primo e più famoso Santuario di Tenjin è Dazaifu Tenmangu vicino a Fukuoka.

  • Santuari di Sengen

Santuario Sengen – Shizuoka

I santuari di Sengen sono dedicati alla principessa Konohanasakuya, la divinità scintoista del monte Fuji. Più di mille santuari di Sengen esistono in tutto il Giappone, con i santuari di testa ai piedi e la cima del Monte Fuji stesso.

  • Santuari dedicati ai fondatori di potenti clan

Santuario Toshogu – Nikko

Alcuni potenti clan della storia giapponese hanno fondato e dedicato santuari ai fondatori dei loro clan. L’esempio più famoso sono le numerose dozzine di templi Toshogu dedicati a Tokugawa Ieyasu, tra cui il famoso Santuario Toshogu di Nikko. Un altro esempio è il Santuario di Oyama di Kanazawa, dedicato a Maeda Toshiie, il fondatore del potente clan Maeda locale.

  • Santuari locali

Tempio Chichibu – Saitama

Molti santuari sono dedicati ai kami locali senza associazione con altri santuari.