Il governo introdurrà un sistema elettronico per le domande di visto turistico nell’aprile 2020, nel tentativo di raggiungere l’obiettivo di 60 milioni di visitatori stranieri all’anno entro il 2030, hanno riferito fonti governative domenica. Il sistema online sarà inizialmente disponibile per i turisti cinesi per le domande di visto per ingresso singolo e quindi per i viaggiatori provenienti da altri paesi, hanno detto le fonti. I visti turistici per i visitatori cinesi rappresentavano circa il 60% di tutti i visti rilasciati nel 2017, secondo il ministero degli Esteri.

Il governo prevede di aggiungere altri tipi di visti al nuovo sistema. Il visto elettronico è progettato per semplificare il processo di applicazione, ridurre il carico di lavoro nelle missioni diplomatiche e rafforzare il controllo dell’immigrazione, con i dati sui visti da condividere con le compagnie aeree, in vista delle Olimpiadi di Tokyo del 2020. I potenziali visitatori saranno in grado di richiedere i visti turistici online attraverso le agenzie di viaggio.

Singoli turisti e crocieristi cinesi hanno contribuito al ritmo record di crescita dei visitatori stranieri, secondo l’agenzia del turismo giapponese. Anche i visitatori della Corea del Sud e di altri paesi asiatici hanno contribuito a migliorare la cifra complessiva. Anche se la cifra di quest’anno dovrebbe superare i 30 milioni per la prima volta, il Giappone ha anche dovuto affrontare gli effetti di molteplici disastri naturali – tra cui un enorme terremoto a Hokkaido e piogge torrenziali nell’ovest del paese – che potrebbero mettere un freno ai numeri turistici. I visitatori cinesi hanno rappresentato il maggior numero di turisti stranieri in Giappone per paese e regione. Un recente sondaggio ha mostrato che le opinioni del popolo cinese sul Giappone sono migliorate dopo anni di deterioramento delle relazioni su una fila territoriale e sulla storia del tempo di guerra.