Anche se molto popolare tra i locali, l’isola di Enoshima e la sue pittoresche località balneari limitrofe sono facili da raggiungere ma meno famose e rinomate come altre località del Giappone. L’area svolge un ruolo di grande importanza storica per il paese. Sebbene  Enoshima è conosciuta soprattutto per la sua vivace vita da spiaggia, Il luogo in passato era in realtà un pellegrinaggio molto popolare durante il periodo Edo.

La bellezza dell’isola è stata catturata da artisti come il famoso artista Hiroshige e il poeta Basho. L’attrazione principale per l’isola è la storia della dea Benzaiten e del drago a cinque teste Gozuryu.

Il Mito di Enoshima

Nel 1047, il monaco buddista Kokei raccontò la storia oscura dell’isola di Enoshima e dell’area circostante di Koshigoe. Conosciuto collettivamente come Enoshima Engi, l’opera racconta il folclore locale sull’origine dell’isola. Gli scritti affermano che il villaggio preistorico di Koshigoe fu tormentato per mille anni dal gigantesco drago a cinque teste Gozuryu. Oggi, Il nome locale ”Koshigoe” è scritto con kanji diversi, ma l’originaria combinazione di ideogrammi era “superata la morte dei bambini” e si pensa che le sia stato attribuito questo nome per via del Drago famelico che si ci bava di infanti.

Enoshima Engi sostiene che l’area di Koshigoe fu un tempo tormentata da violente tempeste e implacabili terremoti. Quando la follia giunse alla fine e le nuvole si schiarirono, una fanciulla celeste scese dai cieli. Poco prima che toccasse la superficie dell’acqua a sud di Koshigoe, un’isola misteriosa sorse dalle profondità che sarebbero servite come sua dimora. Se si deve credere alle leggende, quest’isola è infatti Enoshima e la residenza della sua fanciulla, la dea Benzaiten.

Continuando con il mito, si dice che il drago abbia osservato l’arrivo di Benzaiten. Dopo aver posato gli occhi su di lei, il Gozuryu si innamorò perdutamente e immediatamente chiese la sua mano in matrimonio. Tuttavia, Benzaiten era a conoscenza dei modi malvagi del drago e gli disse che avrebbe preso in considerazione la sua proposta solo se avesse promesso di aiutare la gente di Koshigoe. Da quel momento in poi, Gozuryu si dedicò a proteggere l’area che un tempo aveva terrorizzato. Benzaiten alla fine riconobbe le buone intenzioni di Gozuryu e l’area di Koshigoe prosperò come non aveva mai fatto prima sotto la loro duplice protezione.

Quando il tempo di Gozuryu in questo mondo finalmente terminò, il drago si stese vicino al villaggio di Fukasawa (ora situato nell’odierna Kamakura). Le leggende dichiarano che il corpo di Gozuryu era così massiccio che la sua testa si estendeva fino a dove ora si trova il Tempio Ryuko . Il folklore riferisce che Gozuryu continua a proteggere l’area; se osservi attentamente la forma delle colline tra Kamakura ed Enoshima, puoi distinguere la forma del drago.

Le grotte di Enoshima

La seconda grotta (est), che è collegata alla prima (dedicata alla dea Benzaiten) è dedicata alla divinità drago che è stata a lungo ritenuta la divinità custode dei pescatori. In fondo c’è la statua di un drago dall’aspetto feroce, di colore verde. Di tanto in tanto, il suono artificiale del tuono sorprende i visitatori.

La leggenda asserisce che questo drago (alcuni dicono che era un grande serpente lungo fino a 60 metri che si trovava nella caverna) apparve quando Tokimasa Hojo (1138-1215), suocero di Yoritomo e il Primo Reggente di Hojo, visitò il luogo e pregò per la prosperità della sua progenie. Il drago promise che gli auguri di Tokimasa avrebbero avuto risposta, lasciando dietro di sé tre scale, che sono l’origine della cresta di Hojo, dette anche Tre squame.

Storia

Enoshima è il nome di un’isoletta, di 4 chilometri di circonferenza, collegata alla terraferma della città di Fujisawa da due ponti di 600 metri. Tre santuari si ergono su quest’isoletta, ciascuno consacrato ad una dea mitologica. La leggenda asserisce che il 29 ° imperatore Kinmei (510-571) costruì un piccolo santuario all’interno della caverna nel promontorio meridionale, in cui erano custodite le dee del trio. Erano Tagitsuhime, Ichikishimahime e Tagirihime, che compaiono nell’Antica Cronaca, o Kojiki. (i nomi del trio sono leggermente diversi da quelli delle Cronache del Giappone o, Nihon Shoki). Il santuario madre per il trio è nella prefettura di Fukuoka chiamato Santuario Munakata. Da qui il nome di Munakata Trio Dee.

Il buddismo giapponese, nel frattempo, fu introdotto per la prima volta nel VI secolo dalla Cina attraverso la Corea quando l’imperatore Kinmei era al potere, e in seguito la grotta divenne il luogo preferito dai preti buddisti per praticare l’ascetismo. Tra loro c’erano il sacerdote Kukai (774-835), il fondatore della setta Shingon, il sacerdote En-nin, il terzo capo sacerdote di Enryakuji vicino a Kyoto (mecca della setta Tendai), il prete Nichiren (1222-1282), il fondatore di la setta Nichiren e Priest Ippen (1239-1289), fondatore di Ji Sect. Una fusione armoniosa di shintoismo e buddismo era già in corso nell’ottavo secolo.

Dal momento che la grotta era spesso inondata da onde, è stato a lungo ritenuto necessario custodire le dee in un sito più sicuro. Nell’853, il monaco En-nin, comunemente conosciuto con il suo nome religioso Jikaku Daishi, eresse un santuario in cima all’isolotto, che è l’origine dell’attuale Nakatsu-no-miya, uno dei tre santuari.

Il tempio di Okutsu-no-miya è protetto da Tagirihime. Nella tradizione è una delle tante divinità antiche del Giappone (che ricorda il tempo ittita e le divinità del solstizio stagionale), la leggenda sostiene che la dea di solito rimane nella grotta giù per la scogliera durante l’inverno ed esce solo nella primavera per poi farvi ritorno all’inizio dell’Inverno. Il santuario ha un tipico stile di architettura irimoya (tetto a capanna), sebbene non sia vecchio. Fu ricostruito nel 1842.

Sul soffitto dell’oratorio, la famosa “tartaruga che brilla ad otto direzioni”, dipinta da Hogetsu Sakai (1761-1829).

Sul lato meridionale del promontorio di Enoshima, ci sono due grotte.
La prima grotta (ovest) ha una larghezza di 13 metri all’ingresso e raggiunge la lunghezza di 45 metri. Circa 100 metri più avanti si trova una statua del sacerdote Kukai e poi la grotta si divide in due. Quello di destra, lungo 39 metri, si chiama grotta Kongo (Diamond o Vajradhatu in Skt.) E quella di sinistra, lunga 20 metri, è la grotta Taizo (Womb o Garbhakosa ), Basata sulle dottrine della Setta di Shingon di Dainichi Nyorai (Mahavairocana). Essendo amalgama di buddismo e scintoismo, la grotta ospita anche divinità scintoiste: le tre dee sono ancora incastonate nella parte più interna della caverna di destra dove vi sono anche rappresentazioni della Dea del Sole di Amaterasu. Tuttavia, la grotta è piena di un numero di statue di pietra per lo più associate al buddismo della setta Shingon.