Il Castello Nijo (二条 城, Nijōjō) fu costruito nel 1603 come residenza di Tokugawa Ieyasu, il primo shogun del periodo Edo (1603-1867). Suo nipote Iemitsu completò gli edifici del palazzo del castello 23 anni dopo e allargò ulteriormente il castello aggiungendo un castello di cinque piani.

Dopo che lo shogunato Tokugawa cadde nel 1867, il castello di Nijo fu usato per un po ‘come un palazzo imperiale prima di essere donato alla città e aperto al pubblico come sito storico. I suoi edifici di palazzo sono senza dubbio i migliori esempi di architettura di palazzo del Giappone in epoca feudale, e il castello è stato dichiarato patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1994.

Il Castello di Nijo può essere diviso in tre aree: l’Honmaru (circolo di difesa principale), il Ninomaru (cerchio secondario di difesa) e alcuni giardini che circondano Honmaru e Ninomaru. L’intero parco del castello e l’Honmaru sono circondati da mura di pietra e fossati.

I visitatori del castello Nijo entrano nel parco del castello attraverso un grande cancello a est. Guide audio in inglese sono disponibili per l’affitto (500 yen) in un chiosco proprio all’interno del cancello. L’avventurarsi ulteriormente nel castello vi porterà alla porta di Karamon in stile cinese, l’ingresso al Ninomaru (la seconda zona di difesa), dove si trova l’attrazione principale del castello, il Palazzo Ninomaru.

Il Palazzo Ninomaru è stato la residenza e l’ufficio dello shogun durante le sue visite a Kyoto. Rimasto immutato nella sua forma originale, il palazzo è costituito da più edifici separati collegati tra di loro da corridoi con i cosiddetti piani di usignolo, che squittiscono quando vengono calpestati come misura di sicurezza contro gli intrusi. Le camere del palazzo sono ricoperte di tatami e dispongono di soffitti decorati elegantemente e porte scorrevoli splendidamente dipinte (fusuma).

Il percorso del tour passa per più sale di attesa e sale del pubblico. Solo i visitatori più alti erano ammessi fino alla sala principale del pubblico, dove lo shogun si sedeva su un pavimento sopraelevato, fiancheggiato da guardie del corpo. I visitatori classificati più in basso erano ammessi solo  nelle stanze adiacenti senza vista diretta dello shogun. Le stanze più interne consistevano in uffici e camere da soggiorno, le ultime delle quali erano accessibili solo allo shogun e alle sue assistenti femminili.

Al di fuori del Palazzo Ninomaru si estende il Giardino Ninomaru, un tradizionale giardino paesaggistico giapponese con un grande stagno, pietre ornamentali e pini ben curati.

L’Honmaru (la principale cerchia difensiva) era il sito di un secondo complesso di palazzi e un castello di cinque piani. Tuttavia, entrambe le strutture furono distrutte da incendi nel XVIII secolo e non furono mai ricostruite. Dopo la caduta dello shogunato, una residenza imperiale fu trasferita dal Palazzo Imperiale di Katsura all’Honmaru del Castello di Nijo, dove rimane oggi come Palazzo Honmaru.

A differenza del Palazzo di Ninomaru, il Palazzo Honmaru non è regolarmente aperto al pubblico, anche se ci sono occasionali aperture speciali. Tuttavia, i visitatori possono passeggiare nei giardini di Honmaru e arrampicarsi sulle fondamenta in pietra dell’antico castello, che offre una vista sul parco del castello.

L’Honmaru e Ninomaru sono circondati da spazi verdi e sentieri alberati. I ciliegi di numerose varietà sono piantati in tutto il territorio del castello, tra cui quasi 400 alberi di ciliegio di varietà a fioritura tardiva in un frutteto di ciliegi. A causa delle numerose varietà di ciliegi presenti, la stagione della fioritura al Castello di Nijo dura solitamente da fine marzo fino all’intero mese di aprile.

Il castello ospita anche un frutteto di prugne, in genere in fiore da fine febbraio a inizio marzo, e Seiryuen, un giardino in stile metà giapponese e metà occidentale costruito nel 1965 per eventi culturali come le cerimonie del tè. Molte aree del parco del castello sono anche popolate da aceri, ginkgo e altri alberi che offrono colori autunnali brillanti di solito durante la seconda metà di novembre.

L’ingresso del castello Nijo si trova a pochi passi dalla stazione Nijojo-mae, lungo la linea della metropolitana Tozai.

Dalla stazione di Kyoto, prendere la linea della metropolitana Karasuma fino alla stazione Karasuma-Oike e trasferirla sulla linea Tozai fino alla stazione Nijojo-mae. L’intero viaggio dura circa 15 minuti e costa 260 yen. In alternativa, il castello può essere raggiunto dalla stazione di Kyoto con gli autobus della città di Kyoto numero 9, 50 o 101 (15-20 minuti, 230 yen sola andata) o da Shijo-Kawaramachi con l’autobus numero 13 della città di Kyoto (15 minuti, 230 yen sola andata ).



Booking.com