Ginza (銀座) è un quartiere di Chūō, Tokyo, in Giappone, posto a sud di Yaesu e Kyōbashi, ad ovest di Tsukiji, ad est di Yūrakuchō e Uchisaiwaicho e a nord di Shinbashi. È nota come area commerciale di lusso, con diversi grandi magazzini, boutique, ristoranti e caffè.

Il nome di Ginza deriva da gin (argento), in quanto proprio in quest’area venne stabilita, nel 1612, durante il Periodo Edo, la zecca del conio dell’argento (il Giappone aveva tre sistemi del conio della moneta basati sul materiale).

La moderna Ginza sorge nel 1872 quando, a seguito di un incendio devastante, il distretto fu ricostruito a partire da alcuni edifici in stile georgiano progettati dall’architetto irlandese Thomas Waters, lungo la passeggiata commerciale sulla strada dal ponte di Sinibashi al ponte di Kyōbashi nella parte sudoccidentale del quartiere speciale di Chūō. La maggior parte di questi edifici in stile europeo sono scomparsi, ma è ancora presente qualcuno degli edifici più vecchi, come il palazzo che ospita la sede dei grandi magazzini Wakō (和光) e l’annessa torre dell’orologio.

Ginza è una popolare meta dei weekend, quando la principale arteria nord-sud è chiusa al traffico. E’ il classico quartiere con negozi di alta moda come  TiffanyHermèsChanelPradaLouis Vuitton (molto amata dai giapponesi), ecc. Se non volete spendere una fortuna recatevi al grande magazzino Matsuya (lo raggiungete dall’uscita A12 e A13 dalla stazione Marunouchi per Ginza). Vicino al quartiere si trova il Palazzo Imperiale (prima chiamato Castello di Edo), dalla stazione di Tokyo bisogna prendere l’uscita Marunouchi e, seguendo le indicazioni si giunge al ponte Nijubashi. Inoltre non dimenticate di visitare il Kabuki-za di Ginza è il principale teatro di Tokyo per quanto riguarda le rappresentazioni kabuki.

Il Kabuki-za 歌舞伎座 di Ginza



Booking.com