Il pellegrinaggio circolatorio di circa 1.200 chilometri intorno a Shikoku, la più piccola delle quattro isole principali del Giappone, è più comunemente noto come Ohenro. Visitando 88 templi associati all’illuminato Kobo Daishi, il pellegrinaggio di Shikoku non è il più antico pellegrinaggio in Giappone – probabilmente è il pellegrinaggio di Saigoku Kannon nella regione del Kansai – né è (ancora) un sito del patrimonio mondiale come il Kumano Kodo a Wakayama e Mie.

Tuttavia, il pellegrinaggio di Shikoku è certamente il pellegrinaggio più conosciuto oggi, sia in Giappone che all’estero. Ogni anno centinaia di migliaia di pellegrini provenienti dal Giappone e da altre parti si incontrano durante il percorso. I templi del Pellegrinaggio di Shikoku sono sparsi su tutta l’isola, principalmente sulla costa o molto vicino alla costa, e mentre alcuni si trovano un po ‘nell’entroterra sulle montagne. 

Il percorso passa attraverso le quattro città capitali prefettizie della città di Tokushima, Kochi, Matsuyama e Takamatsu, e gran parte del percorso è su strade principali abbastanza trafficate. Alcune sezioni si trovano nella campagna meno popolata e alcune sono in cima a montagne isolate.

Kobo Daishi al tempio Hotsumisaki-ji

Storia del pellegrinaggio di Shikoku

Le origini del pellegrinaggio si perdono nella notte dei tempi, anche se gli storici credono che in origine vi fossero diverse piccole vie di pellegrinaggio percorse da monaci asceti e yamabushi (eremiti e asceti che vivevano nelle montagne). 

Con il periodo Edo (XVII-XIX secolo) apparvero le prime guide al pellegrinaggio. Il periodo Edo fu l’epoca d’oro del pellegrinaggio in Giappone quando milioni di persone scesero sulle strade. Il pellegrinaggio di Shikoku era un pò diverso, tuttavia, poiché molte delle altre grandi rotte di pellegrinaggio erano seguite da membri d’élite della società, eppure Shikoku rimase un pellegrinaggio per le classi inferiori. 

Nel corso dei secoli i templi sul percorso sono cambiati. Alcuni sono scomparsi, alcuni spostati e altri sono stati aggiunti. Prima della metà del 19 ° secolo alcuni dei siti erano in realtà santuari shintoisti. Ora gli 88 templi (e venti “extra”) conosciuti come bangai sono stabiliti e in mete fisse del pellegrinaggio. I templi appartengono a diverse sette e hanno diverse divinità principali, ma tutti hanno un Daishi-do, una sala che racchiude lo spirito di Kobo Daishi, il centro del pellegrinaggio.

Conosciuto come Kukai mentre viveva, e dato il titolo Kobo Daishi postumo, è nato a Shikoku nel 774. La sua città natale è il luogo dove si dimora il tempio numero 75, Zentsuji. 

Da giovane ha praticato austerità in vari siti remoti intorno a Shikoku, e alcuni di questi sono ora templi che fanno da mete per il pellegrinaggio. Ha fatto una visita ufficiale in Cina e gli insegnamenti da lui riportati sono stati la base della nuova setta Shingon del buddismo giapponese fondata da lui e con sede centrale a Koyasan, un complesso di templi montuosi a sud di Osaka, nella prefettura di Wakayama, dove morì nell’838. Come molte figure religiose, nei secoli successivi alla sua morte, le leggende su di lui e le sue imprese aumentarono e crebbero. 

Lo scopo del pellegrinaggio è visitare tutti gli 88 templi, e non c’è davvero nessuna regola che determini come farlo. La maggior parte delle persone inizia al tempio 1, Ryozenji, a Naruto, Tokushima e poi si dirige in senso orario intorno all’isola. Questo è l’ordine in cui sono numerati, ma alcuni viaggiano in senso antiorario. Se vieni da Kyushu puoi iniziare dal punto di arrivo a Shikoku. In effetti puoi visitare i templi in qualsiasi ordine.

Inoltre non è necessario fare tutto il pellegrinaggio in una volta. Molte persone non possono permettersi il tempo, quindi farlo in sezioni, a volte anche a distanza di anni tra una meta e l’altra. Il tempo a Shikoku è mite, quindi è possibile fare il pellegrinaggio in qualsiasi momento dell’anno, ma la fine di marzo a maggio è l’alta stagione, con ottobre anche popolare. Fino ai tempi moderni, nei giorni precedenti c’era solo un metodo di viaggio per il pellegrinaggio – camminare. Ci vogliono dalle 6 alle 8 settimane perché la maggior parte delle persone finisca il ciclo dei templi. 

Oggigiorno molte persone lo fanno in bicicletta e naturalmente ce ne sono tantissime in moto o in auto. Il trasporto pubblico è una valida opzione con treni e autobus che passano vicino alla maggior parte dei templi e compagnie di taxi locali ben preparate per i bisogni dei pellegrini, ma probabilmente l’opzione più popolare per il giapponese è il pellegrinaggio di gruppo con il tour bus, anche se la maggior parte degli stranieri sembra preferisco camminare. Naturalmente, una combinazione di tutte le opzioni di trasporto è fattibile.

Il kongō-zue (金剛 杖) è il bastone di legno trasportato dal o-henro-san (お 遍 路 さ ん) (o pellegrino) sul Pellegrinaggio di Shikoku

Pellegrini: giacca, cappello, bastone

I pellegrini possono essere facilmente riconosciuti da tre elementi particolari. Di solito sono tutti vestiti di bianco, o se non completamente, hanno almeno una giacca bianca o un giubbotto chiamato hakui. Storicamente il bianco era il modo in cui un cadavere veniva vestito e quindi significava che il pellegrino era pronto a morire durante il pellegrinaggio, cosa che accadeva in epoche precedenti, sebbene oggigiorno si dice che il bianco rappresenti la purezza. Molti pellegrini indossano un cappello conico chiamato “sugegasa”, buono per proteggersi dal sole e dalla pioggia. È molto raro trovare un pellegrino che non porta un bastone di legno chiamato kongozue. Anche i pellegrini che viaggiano su un autobus turistico di gruppo porteranno uno di questi perché si dice che sia l’incarnazione dello stesso Kobo Daishi che ti accompagna in pellegrinaggio.

Pellegrini in viaggio a Shikoku

Elemosina

Una delle caratteristiche più conosciute dell’Ohenro è qualcosa che si chiama o-settai, che si traduce come elemosina o dono, ed è tradizione delle popolazioni locali che sostengono i pellegrini. Molto spesso troverai estranei che si avvicinano a te porgendoti spuntini o bevande, a volte sono abbastanza organizzati con luoghi allestiti dove i locali distribuiscono cibo e bevande a ogni pellegrino che passa.

Molte imprese offrono omaggi ai pellegrini di passaggio, gli onsen garantiscono tariffe ridotte per i pellegrini, ad esempio, e molti posti offrono luoghi gratuiti, anche se piuttosto semplici e spartani, per trascorrere la notte. In tutta l’isola ci sono capanne di riposo dove i pellegrini a piedi possono rifugiarsi per un po ‘. E in alcuni casi passare la notte.

Non devi essere buddista per prendere parte al pellegrinaggio e non è necessario prendere parte a nessuna delle attività religiose. Alcune persone percorrono il pellegrinaggio semplicemente come una forma di turismo – che è in realtà uno dei motivi per cui ci si prodigava al viaggio nel Giappone pre-moderno, tuttavia, è necessario rispettare i luoghi sacri e coloro che si incamminano per motivi religiosi. Chiunque stia pensando di fare il pellegrinaggio, anche in parte, e anche chiunque voglia trascorrere del tempo su Shikoku, dovrebbe procurarsi Shikoku Japan 88 Route Guide, un piccolo tascabile veramente pieno di tutte le informazioni pratiche necessarie per pianificare il viaggio.

Mappa degli 88 templi

le mete del pellegrinaggio 

1) Tempio Ryozenji - tempio numero uno del pellegrinaggio di Shikoku.

2) Tempio Gokurakuji - tempio numero due sul Pellegrinaggio di Shikoku.

3) Tempio Konsenji - tempio numero tre del pellegrinaggio di Shikoku.

4) Tempio Dainichiji - tempio numero quattro sul pellegrinaggio di Shikoku.

5) Tempio Jizoji - tempio numero cinque del pellegrinaggio di Shikoku.

6) Tempio Anrakuji - tempio numero sei sul pellegrinaggio di Shikoku.

7) Tempio Jurakuji - tempio numero sette del pellegrinaggio di Shikoku.

8) Tempio Kumadaniji - tempio numero otto del pellegrinaggio di Shikoku.

9) Tempio di Horinji - Tempio numero nove del pellegrinaggio di Shikoku.

10) Tempio Kirihataji - tempio numero dieci sul pellegrinaggio di Shikoku.

11) Tempio Fujiidera - tempio numero undici sul pellegrinaggio di Shikoku.

12) Tempio Shosanji - Tempio numero dodici sul pellegrinaggio di Shikoku.

13) Tempio Dainichiji - tempio numero tredici sul pellegrinaggio di Shikoku.

14) Tempio Jorakuji - tempio numero quattordici sul pellegrinaggio di Shikoku.

15) Tempio Kokubunji - tempio numero quindici del pellegrinaggio di Shikoku.

16) Kannonji Tokushima - tempio numero sedici sul pellegrinaggio di Shikoku.

17) Tempio Idoji - tempio numero diciassette sul pellegrinaggio di Shikoku.

18) Tempio Onzanji - Tempio numero diciotto sul pellegrinaggio di Shikoku.

19) Tempio Tatsueji - tempio numero diciannove sul pellegrinaggio di Shikoku.

23) Tempio Yakuoji - Tempio numero ventitre sul pellegrinaggio di Shikoku.

Accesso

Se stai iniziando il pellegrinaggio di Shikoku al tempio numero uno Ryozenji dovrai arrivare a Tokushima.

Aereo

L’aeroporto di Tokushima (Tel: 088 699 2831) si trova 8 km a nord della città con autobus ogni ora da e per la stazione di Tokushima (30 minuti). Ci sono voli giornalieri per Tokyo, Nagoya e Fukuoka e voli per Sapporo in estate da Tokushima.

Treno

Ci sono treni espressi JR per la stazione JR Tokushima da Takamatsu (1 ora), Kochi (2 ore, 30 minuti) e Matsuyama (3 ore e 40 minuti). La stazione di Okayama a Okayama su Honshu è la stazione di shinkansen più vicina a Shikoku con collegamenti ferroviari diretti con la stazione di Kyoto, la stazione Shin-Osaka, la stazione di Nagoya e la stazione di Tokyo. I treni JR Marine Liner della stazione di Okayama collegano il sud a Takamatsu in 55 minuti e Tokushima (con un cambio di Takamatsu a Uzushio Express) in circa 2 ore.

Autobus

Ci sono servizi di autobus autostradali per Tokyo, Nagoya (5 ore), Osaka (2 ore, 30 minuti) e Kyoto (3 ore) sulla superstrada Kobe Awaji Naruto. La principale stazione degli autobus è la piazza principale all’esterno della stazione JR Tokushima. C’è uno stand qui da dove è possibile acquistare i biglietti. I punti di partenza degli autobus sono chiaramente contrassegnati con i nomi delle città di destinazione. Un po ‘più a est della stazione JR Tokushima è un altro punto di partenza degli autobus autostradali, l’Oasi degli autobus Kaifu Kanko, da dove partono gli autobus per Anan, Nakagawa, Matsushige, Sannomiya, Shin-Kobe, Osaka e Busta Shinjuku Bus Station (4F) e Stazione di Tokyo a Tokyo. Gli autobus notturni per Tokyo partono alle 9.20, alle 21.50 e alle 22.05. Per ulteriori informazioni su rotte e prezzi consultare il sito Web Kaifu Kanko.

Traghetto

Il porto dei traghetti per Wakayama con Nankai Ferries (Tel: 088 636 0750) è a 15 minuti di autobus o taxi dalla stazione. Il viaggio in barca per Wakayama dura due ore. L’Ocean Tokyu Ferry (Tel: 088 662 0489) salpa a Tokyo in 18 ore e poi di nuovo a Tokushima e Kita-Kyushu-Tokushima-Tokyo in un ciclo.

Il tempio Ryozenji prima tappa del pellegrinaggio

 

 

 



Booking.com