Kinkster o no, c’è una buona probabilità che tu abbia sentito parlare di “Shibari”, Bondage il giapponese. Forse hai perlustrato immagini di questa pratica sensuale, per molti una pratica spinta e forse anche un tabù per noi occidentali. Come sempre la disinformazione porta a un immagine distorta di quello che effettivamente è la pratica in se. In questo articolo vi spieghiamo in 5 punti l’essenziale per conosce lo Shibari.

La cultura dello shibari ha radici molto antiche. Nelle tradizionali cerimonie religiose giapponesi è sempre stato usuale includere corde e legamenti per simboleggiare il collegamento tra l’umano e il divino.

Lo hojojutsu si perfezionò nel XV secolo, utilizzato dalla polizia e dai samurai come forma di prigionia, e come tale rimase fino al XVIII secolo. Allora le risorse di metalli scarseggiavano, mentre in compenso abbondavano le funi di canapa e iuta: così spesso i prigionieri non venivano rinchiusi in una prigione, bensì venivano semplicemente immobilizzati con una corda. La polizia giapponese continua a portare nei propri furgoni un fascio di corda di canapa.

La legatura entrò nell’immaginario erotico giapponese nel periodo Edo (1600-1860) attraverso le cosiddette seme-e, un particolare tipo di ukiyo-e, che rappresentavano scene di costrizione. Sul finire dell’epoca Edo, nacque Seiu Ito, considerato il “padre del kinbaku”. La sua fotografia e la sua pittura, ispirate dalle scene di costrizione presenti nel teatro kabuki, e prodotte per la maggior parte negli anni ’30 del XX secolo, influenzarono tutta la successiva generazione di kinbakushi.

Il Kinbaku divenne molto popolare in Giappone negli anni 1950 grazie a riviste quali Kitan Club e Yomikiri Romance, che pubblicarono le prime foto nude di bondage.

1 Attualmente non si chiama Shibari

Shibari non è il termine sbagliato per la pratica della fune giapponese di per sé; Shibari (o shibaru) è un termine generico in giapponese che significa “legare”. Kinbaku è una parola più specifica che implica intrecciare nodi intricati per legare e sospendere le persone a fini erotici e a volte artistici. Kin (緊) significa “stretto” e baku (縛) è il kanji usato per dire “bloccare”. Il termine shibari è diventato molto più comune a livello internazionale in quanto la pratica si è diffusa e adattata per il pubblico e gli appassionati non giapponesi. Se si dice “shibari” in Giappone la gente probabilmente saprà di cosa si state parlando, ma “kinbaku” è decisamente preferito tra i locali.

2. Non è un’arte sacra e antica a cui ogni giapponese partecipa segretamente.

Molti hanno soprannominato il kinbaku “un’antica tecnica di legatura dei nodi giapponese”, ma non è abbastanza preciso. Sebbene il kinbaku abbia le sue radici in una pratica chiamata hojojitsu usata per legare i prigionieri in Giappone poche centinaia di anni fa, il kinbaku come sappiamo non era nemmeno una pratica ufficializzata fino agli inizi del 1900. Non divenne popolare in Giappone fino al dopoguerra degli anni ’50. Per esempio, i giapponesi e i soldati americani scambiavano riviste spinte raffiguranti donne legate durante l’occupazione.

Il kinbaku moderno è fatto per piacere, non per punizione, e coinvolge almeno due persone: la “cima della corda” o “rigger” (la persona dominante che fa la legatura) e la “corda inferiore” (la persona sottomessa che è legata). A volte queste due persone cambiano ruolo; altre volte, più di una persona potrebbe legare o rimanere legata allo stesso tempo. Occasionalmente c’è un pubblico. Qualunque sia la combinazione, ogni volta che queste parti giocano insieme, il loro legarsi – anche se totalmente privato – è chiamato “scena”. Il consenso è una parte importante di ogni scena, qualcosa che era assente nei giorni di pratica dell’hojojitsu di un tempo.

Spettacoli dal vivo regolari, bar fetish, workshop e servizi che coinvolgono il kinbaku possono essere trovati in tutto il Giappone. Tuttavia, non tutti lo fanno o addirittura pensano che sia normale. In realtà, è una pratica underground molto di nicchia. Kinbaku è un aspetto del BDSM e, come gran parte della cultura S & M, i meccanismi interni sono molto silenziosi. Anche se in crescita è ancora una scena molto fraintesa. Molti partecipanti mantengono il loro coinvolgimento al ribasso a causa della vergogna e delle molestie.

 

3 Non è una pratica volta obbligatoriamente al sesso

Per quanto può sembrare incredibile questa pratica non ha come scopo ultimo quello del rapporto sessuale.

Per alcuni, il kinbaku è prima di tutto un’arte. Molti rigger trascorrono anni se non decenni affinando le loro capacità. I più famosi praticanti di kinbaku sono eccezionalmente abili con le loro mani e leggono i desideri e le antipatie dei loro partner di gioco. Per molti, la parola kinbaku descrive un’arte oltre che una pratica spinta e non si può avere l’una senza l’altra. Per queste persone, cose come esibirsi dal vivo o perfezionare il loro stile personale, sono di grande importanza. Per alcuni, Kinbaku è prima di tutto un’arte… Altri semplicemente partecipano alla schiavitù come mezzo di sollievo dallo stress o relax.

Per altri, è un modo di costruire l’intimità e la fiducia con un altro essere umano. Molte spesso chi lega le corde e chi si fa legare sono partner sessuali nella vita reale, ma in alcuni casi questi due lavorano solo insieme a livello professionale. Oppure, sono vicini personalmente ma scelgono di non copulare. Esempi di questo potrebbero essere una dominatrice e il suo cliente, o due artisti di spettacolo. Alcune persone hanno anche partner di gioco che sono separati dai loro partner effettivi, forse perché il proprio partner non può soddisfare un particolare desiderio. Altri semplicemente partecipano alla schiavitù come mezzo per alleviare lo stress o rilassarsi. Hai letto bene! Essere legati non deve essere affatto doloroso. Immagina un bambino ben fasciato o immagina di rannicchiarsi sotto coperte calde in una giornata fredda. Per molti, è così che si sente essere legati. È come ricevere un grande abbraccio. Il fatto di lasciare che qualcun altro ti leghi e ti controlli può essere molto liberatorio. Inoltre, essere legati può effettivamente rilasciare tonnellate di endorfine creando un effetto euforico. 

4. non è pericoloso (a meno che non si desidera che lo sia).

Il Kinbaku può sembrare pericoloso, ma se praticato correttamente è totalmente innocuo. Poiché ci sono molti possibili rischi (danni ai nervi o soffocamento se le corde sono troppo strette, ad esempio), ci sono tonnellate di misure di sicurezza stabilite in atto. I riggers si allenano molto durante le lezioni o con i maestri di corda prima di legare o sospendere un altro essere umano. Hanno anche una profonda conoscenza dell’anatomia umana. I rigger corretti prendono molto sul serio i rischi e restano molto vigili mentre legano per proteggere il proprio partner e dargli modo di vivere un’esperienza in totale sicurezza e serenità.

Kinbaku può sembrare facile per chi viene legato, ma questa persona non è completamente passiva. Di solito chi vive le corde su se stesso spesso si tratta di persone molto adattabili e flessibili e generalmente hanno un’elevata tolleranza al dolore. Il rigger spesso controlla il proprio partner per assicurarsi che sia comodo. Chi lega e chi viene legato si uniscono in una situazioni di vigilanza e contemplazione del proprio corpo, perchè non spetta solo a chi lega tenere il controllo della situazione. Infatti sono entrambi che collaborano per lavorare insieme per arrivare a creare una scena piacevole.

La negoziazione implica una comunicazione estesa tra i partner di gioco prima, durante e dopo le scene. Aftercare è la pratica dei riggers che comporta abbracciare, massaggiare, e accarezzare il partner dopo il gioco. Questo è particolarmente utile se una scena è stata dolorosa o in qualche modo faticosa.

5. Le persone che partecipano non sono psicotiche, dementi o danneggiati in altro modo.

Ovviamente generalizzare su una cosa così sensibile agli occhi di un pubblico non abituato a determinate pratiche può essere motivo di fraintendimento, ma non tutte le persone che si dedicano a questa pratica sono dei malati di mente! Spesso viene praticata da individui di vario ceto sociale, che possono benissimo andare dall’avvocato, la casalinga o lo studente universitario distruggendo così l’iconica immagine del ”padrone e lo schiavo” che un pò tutti i ”disinformati” tendono a creare nella propria mente.

Non si tratta solo di look, ovviamente. Maestri Kinbaku, dominatrici e modelli fetish possono sembrare intimidatori, ma sono spesso deliziosi e con i piedi per terra. Dagli hobbisti ai professionisti, gli appassionati di corde provengono da una varietà di contesti culturali e sociali e appartengono a tutti i tipi di clique e carriere. Solo occasionalmente si verificano esibizioni volte al dolore in modo pesante negli eventi e a chiunque causi problemi o disagio gli viene comunque data la possibilità di non essere uno spettatore del pubblico. La comunità kinbaku si guarda l’un l’altra come per prendersi cura di se stessi e degli altri. 

Per quanto strano e misterioso possa essere questo mondo, non si tratta altro che di una passione che unisce le persone in una pratica che molto spesso viene mal giudicata prima ancora di conoscerla e che in alcuni casi ha avvicinato più individui a vivere meglio la propria sessualità o il rapporto con il proprio partner.

Acquista le corde per la pratica dello Shibari su Amazon!