Momofuku Ando, ​​di origine giapponese-taiwanese, ha aiutato il Giappone a uscire dalla carestia del dopoguerra inventando una nuova zuppa istantanea di pollo e noodles, pronta da mangiare aggiungendo solo un po ‘d’acqua.

Stavo camminando quando ho visto una fila di persone di 20 o 30 metri davanti a una bancarella di cibo, appena illuminata, da cui si alzavano nuvole di vapore”, scrisse l’uomo d’affari nella sua autobiografia “La storia dell’invenzione del ramen istantaneo “.

“Le persone, che erano vestite di stracci, rabbrividivano di freddo mentre aspettavano il loro turno. La persona che era con me mi ha detto che si stavano allineando per prendere una ciotola di ramen “, riferendosi alla tradizionale zuppa giapponese.

Ando pensava che i semplici spaghetti senza sapore non avrebbero risolto il problema della fame. Quello che voleva era creare una zuppa con spaghetti che fosse gustosa, economica e molto semplice da preparare.

Ossessionato da quell’idea, stava provando in una cabina di Osaka diverse formule per ottenere quel prodotto che gli toglieva il sonno.

Ha una macchina per fare spaghetti di seconda mano e un wok gigante. Ha provato e praticato come chimico in un laboratorio, finché nel 1958 è riuscito a creare un nuovo cibo che ha rivoluzionato la tradizione culinaria.

Era un brodo rivoluzionario con noodles che divenne popolare in Giappone come “ramen magico”.

La sua intuizione non era basata sull’inventare una variante di noodles o una nuova ricetta mescolando ingredienti impensabili. No. Quello che ha fatto è stato inventare degli spaghetti che possono essere asciugati, confezionati e reidratati in 3 minuti con acqua calda. E mezzo secolo dopo, la sua invenzione continua ad essere venduta in tutto il mondo.

Negli ultimi anni l’azienda si è diversificata, vendendo alimenti surgelati, zuppe e dessert.

Due anni di carcere

La storia del business di Momofuku Ando non è stata affatto facile. Aveva 48 anni quando inventò gli spaghetti istantanei che lo avrebbero reso famoso e milionario, ma ciò accadde dopo una lunga lista di fallimenti commerciali.

I suoi genitori sono morti quando era bambino. Cresciuto dai nonni, ha lavorato in un paio di negozi vendendo tessuti e anni dopo ha cercato di portare avanti diverse iniziative vendendo sale, proiettori con “lanterne magiche” e case prefabbricate. Tutto fallito.

Successivamente, nel 1948, fu arrestato per evasione fiscale e dovette trascorrere due anni in prigione. L’imprenditore ha negato nella sua autobiografia le accuse contro di lui e ha difeso l’argomentazione secondo la quale è stato imprigionato per aver dato borse di studio agli studenti, qualcosa che a quel tempo era considerato un meccanismo per eludere le tasse.

Dopo essere stato rilasciato, l’uomo d’affari era al verde e ha dovuto ricominciare. Erano gli anni ’50 e, per fortuna di Ando, ​​anche il Giappone stava iniziando a stare in piedi.

Il successo Cup Noodle nello spazio!

Il paese cominciò a modernizzarsi, i supermercati aprirono, il potere d’acquisto aumentò gradualmente e la televisione stava penetrando nelle case.

In questo contesto, l’imprenditore si è proposto di creare il nuovo cibo, di venderlo prima sul mercato interno e poi nel resto del mondo.

Nel 1970 iniziò ad esportare la sua zuppa di spaghetti ramen disidratata negli Stati Uniti. Un anno dopo, creò “Cup Noodle”, in pratica una versione del suo prodotto originale, ma con una differenza: i clienti potevano comprarli e prepararli nello stesso contenitore.

Quel cambiamento nel prodotto, ha trasformato la sua piccola impresa nata a Osaka, Nissin Foods, in una gigantesca multinazionale con filiali in più di una dozzina di paesi.

Questo è stato il modo in cui un cibo creato per sfamare le masse affamate di un paese che doveva alzarsi da terra, è diventato un fast food che continua ad avere successo tra studenti universitari, persone con un budget basso e tutti quelli che non amano cucinare.

E quando aveva trasformato i suoi spaghetti istantanei in un prodotto globale – con fabbriche distribuite in diversi paesi e milioni di dollari in tutto il mondo – Ando si proponeva di andare oltre i limiti del pianeta Terra e portare il suo prodotto nello spazio.

Quando lo Space Shuttle Discovery fu lanciato nello spazio nel luglio 2005, stava trasportando pacchetti di spaghetti istantanei nella dispensa in modo che l’astronauta giapponese, Soichi Noguchi, potesse nutrirsi.

“Ho realizzato il mio sogno i miei spaghetti istantanei sono arrivati nello spazio”, disse l’uomo d’affari.

Momofuku Ando è morto nel 2007 in Giappone all’età di 96 anni ed è ancora ricordato come uno dei grandi geni del business giapponese del 20 ° secolo.